Bonus Dipendenti Pubblici: da Gennaio 2023 in Busta Paga

Il bonus dipendenti pubblici 2023 è un emolumento accessorio una tantum, cioè un compenso extra rispetto allo stipendio di statali e lavoratori degli enti pubblici, pensato per contrastare l’inflazione e come alternativa agli scatti contrattuali, che non è stato possibile finanziare per mancanza di fondi, riconosciuto dal 1° gennaio al 31 dicembre 2023 e da applicare a 13 mensilità.

Nella Legge di Bilancio 2023 (articolo 1, commi 330 – 333) l’importo spettante è pari all’1,5% dello stipendio. Ovvero, l’aumento deve essere proporzionale alla retribuzione e, quindi, sarà tanto maggiore quanto è più alta la retribuzione e di conseguenza deve essere adeguato in base ai vari differenziali economici acquisiti nel passato ( FASCE ).

Infermieri, Tecnici e Ostetriche: dalle 29 € mensili della Categoria D, alle 39 € della Ds 6.

Come NurSind abbiamo riscontrato che nei cedolini di Gennaio questo una tantum è stato elargito applicando il differenziale di 1,5% a tutti i dipendenti indifferentemente non calcolando la percentuale in base alle fasce che ogni dipendente aveva acquisito. Per questo abbiamo fatto segnalazione al Direttore Amministrativo di verificare ed integrare le spettanze mancanti con lo stipendio del mese di Febbraio.

Difatti la quota in oggetto è stata modificata ed aggiornata e con il prossimo stipendio di marzo ci sarà inserita la differenza mancante dello stipendio di gennaio.

 

La Segreteria e la RSU
NurSind Ragusa